gMG

Miastenia grave generalizzata (generalized myasthenia gravis)

La miastenia grave generalizzata (gMG) è una malattia rara autoimmune cronica che colpisce la giunzione neuromuscolare, con conseguente compromissione della trasmissione dei segnali contrattili inviati normalmente dal nervo al muscolo1.

89% dei pazienti ha un'età all'esordio verso i 12 anni, 87% dei pazienti mostra sintomi in più di un organo

Sintomi

I segni clinici distintivi della gMG sono la debolezza e l’affaticabilità, che di solito coinvolgono gruppi muscolari specifici.

La debolezza può oscillare di giorno in giorno o addirittura di ora in ora, peggiorando con l'attività e migliorando con il riposo2.

Muscoli

Ptosi unilaterale o bilaterale asimmetrica, diplopia, abbassamento delle palpebre superiori, oftalmoparesi3

Muscoli

Disfunzione tiroidea da orbitopatia endocrina, anomalie del timo, disfagia3

Muscoli

Disturbi del linguaggio, debolezza facciale e bulbare, difficoltà di masticazione3

Muscoli

Debolezza muscolare del collo e degli arti3

Polmoni

Dispnea da sforzo, scarsa respirazione inspiratoria, tosse, ortopnea, tachipnea, insufficienza respiratoria3

La forma generalizzata colpisce fino all’80% dei soggetti:

Episodi di esacerbazione dei sintomi

Molte persone con miastenia grave sperimentano un episodio di esacerbazione (aggravamento improvviso) dei sintomi durante il corso della loro malattia. I fattori scatenanti l’episodio di esacerbazione possono includere: infezioni, stress fisici e mentali, alte temperature, riduzione di farmaci utilizzati per trattare la miastenia, alte dosi di corticosteroidi, gravidanza e post-partum.

La forma più grave

La forma più grave di esacerbazione è la crisi miastenica che può portare il paziente nel giro di poche ore ad una paresi di tutti gli arti e ad un’insufficienza respiratoria, che può manifestarsi tra il 15% e il 20% delle persone affette da gMG3,8

80-90%

Circa dei pazienti ha anticorpi contro il recettore nicotinico dell'acetilcolina (ACHR)1

10-20%

può avere anticorpi contro la tirosin chinasi muscolo-specifica (MUSK) o la proteina 4 correlata alle lipoproteine (LRP4) o non avere affatto anticorpi specifici6

Cause

Nella maggior parte dei casi, la gMG è causata da autoanticorpi diretti contro il recettore dell'acetilcolina (AChR), una proteina espressa a livello dei muscoli scheletrici1.

Il principale meccanismo di patogenesi è l’attivazione della cascata del complemento da parte degli anticorpi anti-AChR, che appartengono alle sottoclassi IgG1 e IgG3 con conseguente formazione del complesso di attacco alla membrana (MAC) e distruzione localizzata della membrana postsinaptica1 . Questo porta ad un’alterata morfologia della membrana postsinaptica della giunzione neuromuscolare (NMJ) e alla progressiva perdita della funzione muscolare1.

Fratelli o parenti di primo grado dei pazienti affetti hanno un rischio del 4,5% di sviluppare gMG, il che riflette una significativa predisposizione genetica per la malattia2.

80% dei pazienti

sviluppa miastenia generalizzata 7

15-20% dei pazienti

con MG sperimentanta crisi miastenica (insufficienza ventilatoria dovuta a debolezza dei muscoli respiratori), che richiedono l'ammissione a un'unità di terapia intensive.7

Diagnosi

La diagnosi di gMG può essere difficile in pazienti senza anticorpi rilevabili e con segni atipici4. Infatti, i ritardi nella diagnosi o la mancata diagnosi sono molto frequenti1.

Una volta sospettata la patologia, la diagnosi di gMG si basa su test sierologici che rilevano la presenza di autoanticorpi e test elettrofisiologici che rilevano difetti caratteristici nella trasmissione neuromuscolare3.

Test seriologico

Gli anticorpi anti-AChR sono rilevabili nell'80-90% dei pazienti con gMG. Il test anti-AChR più comunemente usato misura i livelli sierici dell’auto-anticorpo diretto contro l’AChR. L'AChR viene rilevato dal legame di un antagonista colinergico irreversibile radiomarcato, la α-bungarotossina 1.

Elettromiografia

I test elettrofisiologici standard che utilizzano la stimolazione dei nervi periferici sono comunemente usati per rilevare il difetto di trasmissione neuromuscolare nella gMG. Il test elettrofisiologico più sensibile per la gMG è l'elettromiografia a fibra singola, che rivela deficit di trasmissione neuromuscolare nel 95-99% dei pazienti con gMG ed esclude la diagnosi di gMG quando produce risultati normali 1.

Esami radiologici

La TAC o la risonanza magnetica del torace vengono eseguite in tutti i pazienti con gMG confermata per escludere la presenza di un timoma (tumore alla ghiandola timica). I mezzi di contrasto iodati devono essere usati con cautela perché potrebbero esacerbare la debolezza miastenica. La gMG spesso coesiste con problemi alla tiroide, quindi al momento della diagnosi è necessario effettuare un test di base della funzione tiroidea1.

+
Referenze
1 Conti-Fine BM et al. Myasthenia gravis: past, present, and future. J. Clin. Invest. 2006; 116:2843–2854. 2 Melzer N et al. Clinical features, pathogenesis, and treatment of myasthenia gravis: a supplement to the Guidelines of the German Neurological Society. J Neurol 2016; 263:1473–1494 3 Meriggioli MN et al. Autoimmune myasthenia gravis: emerging clinical and biological heterogeneity. Lancet Neurol. 2009; 8(5): 475–490. 4 Kerty E et al. EFNS/ENS Guidelines for the treatment of ocular myasthenia. European Journal of Neurology 2014; 21: 687–693. 5 Sanders DB et al. International consensus guidance for management of myasthenia gravis. Neurology Jul 2016; 87(4): 419-425 6 Mantegazza R. et al Complement Inhibition for the Treatment of Myasthenia Gravis .ImmunoTargets and Therapy 2020:9 317–331 7 Spillane J. et al. Myasthenia gravis. BMJ 2012;345:e8497 8 Hehir MK et al., Generalized Myasthenia Gravis - Classification, Clinical Presentation, Natural History, and Epidemiology. Neurol Clin 36 (2018) 253–260, 2018

Per i medici

Diagnosticare una malattia rara o gestirne un paziente affetto è un percorso di apprendimento e aggiornamento continuo per i professionisti della salute.

Con questo sito, Alexion vuole fornire anche ai medici uno spazio digitale di riferimento dove approfondire e condividere informazioni ed esperienze sulle patologie rare SEUa, LAL-D, EPN, HPP, NMOSD e gMG.

Accedi all’area riservata ai medici con aggiornamenti e approfondimenti scientifici su: Diagnosi, Letteratura, Terapie, Casi clinici, Gestione del paziente.